Danilo Lanconi Lacerda

Danilo Lanconi Lacerda

Calcio a 5

Brasile

Come hai iniziato la tua carriera nel calcio a 5? In quale città del Brasile?

Ho iniziato a Curitiba(Brasile), all’inizio era solo per divertimento però dopo sono diventato professionista e ringrazio DIO per tutta la mia carriera fin qui.

Sappiamo che sei sposato,  parla un po’ della tua famiglia.  Cosa significa avere tua moglie e tuoi bambini vicino a te?

Ho una famiglia meravigliosa, mia moglie e i miei tre figli sono il mio maggior tesoro, loro sono molto importanti per me, sia nella mia vita di atleta che nella mia vita con Gesù Cristo. 

Come è stata l’esperienza di giocare nella Nazionale Brasiliana di calcio a 5?

Ho giocato nella Nazionale Brasiliana di calcio a 5 dall’anno 1993 al 2000. In questo periodo ho conquistato tanti titoli, tra questi il più importante è il Mondiale di calcio a 5 nel 1996 in Spagna.  In quel gruppo eravamo in 12 calciatori di cui 3 erano Atleti di Cristo. IL nostro ritiro durava più o meno due mesi e mi ricordo che ogni sera Io, Manoel Tobias e Clovis facevamo una riunione per lodare DIO  e per pregare.  Siamo stati benedetti con il titolo mondiale.  È stata una grande esperienza giocare con la mia Nazionale e rappresentare il mio paese con molto orgoglio.

Quali emozioni ti ha dato venire a giocare in Italia nella squadra del Perugia e con gli anni diventare un leader del gruppo?

Quando sono venuto in Italia per giocare a Perugia era per me una nuova sfida, ma è stato allo stesso tempo molto bello perché ho sempre poiché Dio è sempre davanti a me e mi apre le vie che devo percorrere. All’inizio mi sentivo debole perché non conoscevo ancora la lingua italiana. Dio a messo nella mia vita e nella vita della mia famiglia, una famiglia che ci era sempre di appoggio...la famiglia di Ze Maria.  All'epoca lui era capitano della squadra di calcio del Perugia, e ogni lunedì andavamo a casa sua per le riunione di preghiera e lode a Dio.  Confesso che per me e la mia famiglia è stato molto importante partecipare, sono cresciuto tantissimo spiritualmente. Poi con il Perugia sono arrivato due volta alla finale del campionato italiano, vincendone uno, che è già una gran cosa per me.

Raccontaci come Gesù è entrato nella tua vita?

Vengo da una famiglia cattolica.  Andavo sempre a messa la domenica, però mancava qualcosa dentro di me e non mi sentivo completo.  Poi ho conosciuto mia moglie Patrizia che mi ha invitato a venire insieme a lei alla chiesa Evangelica Presbiteriana e quindi ho iniziato a frequentare e studiare la bibbia. Il mio cuore iniziava a cambiare e ho visto che qualcosa stava cambiando dentro di me e mi interessavo di più agli argomenti che riguardavano DIO.  Quindi ho capito che Gesù Cristo aveva fatto tutto quel sacrificio per darmi la mia salvezza.  Oggi sono 12 anni che seguo Gesù  e ogni giorno lo ringrazio per quello che sono oggi.

Ora come ti senti nella squadra del Azignano Grifo?

Mi sento abbastanza bene. L'anno scorso sono riuscito ad arrivare nella mia terza finale del campionato di calcio a 5 e ho vinto mio secondo titolo, però questa volta con la mia nuova squadra: l’Arzignano Grifo. Il mio nuovo gruppo è molto buono e la mia famiglia si è adattata molto bene alla nuova città.

Quali sono i tuoi scopi qui in Italia?

Non avevo mai pensato che un giorno sarei venuto in Italia, però sono sicuro che è stata una sorpresa di DIO per la mia vita.  Come scopo voglio fare bene il mio lavoro, garantire il benessere della mia famiglia e portare avanti la parola di DIO sia con parole che con esempi di vita. La nostalgia più grande che ho è della mia chiesa in Brasile dove io ho imparato tantissimo della parola di DIO. 

Che messaggio vorresti lasciare a un atleta che non conosce Gesù ancora?

La vita di un atleta è molto difficile.  Molte volte dobbiamo lasciare la famiglia, passare per difficoltà come: Lesioni muscolari, allenatori e dirigenti che si cambiano sempre, ecc.  C’è sempre un’incertezza,  però quando abbiamo Gesù nel cuore tutti questi problemi sono così piccoli, perché sappiamo che Gesù ha gia preparato tutto per ognuno di noi.  Ogni preoccupazione dobbiamo lasciarla nelle mani di DIO, e la cosa più bello è che quando ho consegnato la mia vita nelle SUE MANI  ho conquistato la vittoria più bella del mondo che e' la salvezza e la vita eterna . Allora carissimi non sprecate più tempo! Non continuate a portare i vostri problemi, le vostre preoccupazione e conosciate la salvezza. Consegna ora tutto nelle mani di colui che ha vinto la morte...il nostro salvatore Gesù Cristo!

Un forte abbraccio  e Dio vi benedica sempre !!!