La nostra storia

“Atletas de Cristo” è un movimento nato in Brasile il 4 febbraio 1984, fondato da due giocatori di calcio: João Leite e Baltazar Morais.

Il motivo che ha spinto a creare un gruppo di questo genere è che oggigiorno lo sport è un linguaggio universale attraverso il quale è possibile diffondere il Vangelo a tutte le nazioni.

Il ministero degli “Atleti di Cristo” in Italia nasce nella preghiera e nel cuore di alcuni credenti che per anni hanno chiesto al Signore di manifestarsi nel mondo dello Sport ad alto livello. Uno di questi attraverso contatti di altri colleghi all’estero (specialmente brasiliani) a loro volta coinvolti con il ministero con gli Atleti di Cristo entra in contatto prima con Paulo Pereira (Genoa) e Paulo Sergio (Roma) nel 1998. Nella casa di quest’ultimo si costituisce una cellula due volte al mese dove partecipano pochi sportivi e molti curiosi. Da segnalare anche una prima serata di evangelizzazione con Paulo Sergio a Perugia in quel periodo.

Poi viene contattato anche Marco Aurelio (ADC in Portogallo) al suo arrivo in Italia (Vicenza) e successivamente anche Zé Maria (Perugia). Viene organizzato quindi un primo incontro degli Atleti a Perugia, la Domenica di Pasqua del 2001. Partecipano anche Josè Chamot (Milan) e Junior (Parma).

A Pasqua del 2002 avviene il secondo incontro annuale, sempre a Perugia, e Baltazar Morais (allora presidente degli ADC in Brasile) è l’ospite d’onore. Questa volta ci sono molti più atleti, 12 in tutto (specialmente del Perugia), e si aggiungono ai calciatori sportivi di altre discipline; ma gli appuntamenti si limitano ancora all’incontro annuale.

Altri 2 incontri di Pasqua, a Busto Arsizio e poi nuovamente a Perugia, vedono un incremento nella partecipazione sia di atleti che di “visitatori”, con l’approdo al gruppo della maggior parte dei responsabili attuali sul piano nazionale e la nascita di una cellula a Perugia in casa di Zé Maria con una folta partecipazione di brasiliani (calcio a 5).

I contatti con gli atleti si moltiplicano e nel 2005 l’incontro annuale si svolge per la prima volta a Milano (dove permane fino ad oggi) e questa volta ci sono atleti italiani coinvolti e sempre più sudamericani della Serie A di calcio, ma anche diversi pallavolisti, giocatori di rugby, basket, ecc…

A questo punto il ministero comincia a svilupparsi anche oltre l’incontro annuale, nascono delle cellule di preghiera in diverse città e l’elaborazione di una pagina web permette un contatto sempre più diffuso del ministero. Gli atleti che confessano Cristo come proprio Signore e Salvatore sono sempre più numerosi e provenienti da diverse specialità.

Oggi ci sono 12 cellule sparse in tutto il paese, la pagina web è una bella realtà e gli incontri degli ADC, oltre a quelli di evangelizzazione nelle chiese o sulle piazze, si sono moltiplicati a 3 (e forse 4) all’anno.

Tutto questo è stato reso possibile grazie alla preghiera, all’impegno dei ragazzi e naturalmente al Signore che sta benedicendo questo ministero in Italia. A Lui vada tutta la Gloria e la nostra riconoscenza!