Come la neve…

Caro Atleta di Cristo,

 

La neve ha sempre esercitato un certo fascino, specialmente per chi vive in paesi dove cade raramente e soprattutto non causa disastri e problemi di viabilità.

Questo meraviglioso ed immacolato manto bianco” riempie di emozioni chiunque e se poi sei anche uno sciatore sfegatato, non devo aggiungere altro...

Una delle tante caratteristiche della neve è quella di nutrire il terreno e “dissetarlo” un po' alla volta; man mano che la neve si scioglie, i campi ricoperti di questa enorme riserva di acqua possono “dormire sogni tranquilli!”, anche perché godono così di una maggiore protezione contro il gelo e infine le nappe freatiche sottostanti accumulano le scorte necessarie per i tempi più aridi.

La neve come la pioggia nutre la natura intorno a noi e di conseguenza anche noi! Ecco perché il Signore la paragona alla Sua Parola!

 

Leggi: Isaia 55:10-13 (Libro di Isaia, al capitolo 55, i versetti 10 a 13)

 

Così è della mia Parola, uscita dalla mia bocca: essa non torna a me a vuoto, senza aver compiuto ciò che io voglio e condotto a buon fine ciò per cui l'ho mandata!”

 

Ancora una volta la Parola del Signore mi meraviglia! Niente da fare, non c'è nessuno come il nostro Dio! Nulla è lasciato al caso, ogni Parola che il Signore dà, produce un effetto, e non un effetto qualsiasi ma esattamente quello per la quale è stata mandata!

Ad esempio: non ti è mai successo di rispondere a qualcuno in maniera quasi istintiva qualcosa rispetto alla tua fede nel Signore, per poi chiederti quasi allo stesso momento: “Ma come mi è venuto in mente di dirgli questa cosa?”... Un po' come se non fossi stato tu a parlare... E invece queste parole hanno l'effetto di toccare profondamente la persona alla quale le hai indirizzate.

Non è una cosa naturale... è spirituale! Fa parte di quelle cose incredibili che non riusciamo a spiegarci, ma che reggono (eccome se reggono) la nostra vita.

Mi è già successo diverse volte sentirmi dire: “Sergio ti ricordi quando mi hai detto questo e quest'altro in quella occasione? Ebbene, veniva veramente da parte del Signore, perché poi ho capito cosa dovevo fare.” Quando invece io ero assolutamente ignaro della situazione e ricordavo solo di aver detto una cosa totalmente fuori dal contesto... Ma fa comunque piacere essere strumento nelle mani del Signore, anche se a propria insaputa...

Questo passo dice anche un'altra cosa molto bella: “Sì, voi partirete con gioia e sarete ricondotti in pace; i monti e i colli proromperanno in grida di gioia davanti a voi, tutti gli alberi delle campagne batteranno le mani.” Certo questo è un linguaggio poetico, a parte nei cartoni animati, difficile vedere monti saltellare di gioia e alberi battere le mani; il Signore qui vuole sottolineare la grande gioia nel vedere il Suo popolo, i Suoi figlioli tornare a Lui, proprio una volta che la Sua Parola ha portato l'effetto desiderato. Non di meno è molto significativo questo passo, ci fa capire che la natura intera si rallegra assieme al Creatore e partecipa attivamente alla festa!

 

La Parola del Signore, la Bibbia, deve nutrire il nostro spirito e la nostra anima, proprio come la neve e la pioggia nutrono la terra. Siamo disponibili ad essere usati dal Signore se vuole parlare ad altri attraverso il nostro mezzo e preghiamo affinché la Sua Parola possa trovare terreno fertile, e infine rallegriamoci assieme al nostro Dio e il Suo creato per tutte le anime strappate alle tenebre: questo sarà un motivo di gloria, un monumento perenne che non sarà distrutto!

 

A tutti auguro una buona settimana con il Signore! Che possiamo essere giorno dopo giorno sempre più assetati di Lui!

Sempre vostro con affetto in Gesù!

Sergio